MESSAGGIO MUNICIPALE 7/15 ACCOMPAGNANTE LA DOMANDA DI CONCESSIONE DELL’ATTINENZA COMUNALE PRESENTATA DAL SIGNOR QUARESIMA ANTONIO

                                                                                            30 ottobre 2015  

 

MESSAGGIO MUNICIPALE 7/15 ACCOMPAGNANTE LA DOMANDA DI CONCESSIONE DELL’ATTINENZA COMUNALE PRESENTATA DAL SIGNOR QUARESIMA ANTONIO

Signor Presidente,

Signori Consiglieri,

È pervenuta al Municipio la domanda di concessione della cittadinanza svizzera, della cittadinanza cantonale e dell’attinenza comunale, in via ordinaria, presentata da

Quaresima Antonio                    figlio di Quaresima Giuseppe e di  Scicchitano Maria,

                                               nato a Girifalco (Italia) il 16 settembre 1963, coniugato,

                                               di cittadinanza italiana.

Il richiedente non ha mai inoltrato, in precedenza, istanza di naturalizzazione.

Lo stesso risiede in Svizzera dal 1980, ed in Ticino dal 1986; ha preso domicilio a Grancia, in abitazione propria, il 1.giugno 1998.

A livello comunale, il signor Quaresima non ha mai dato adito a lagnanze; si ritiene lo stesso ben integrato al nostro modello di vita, come pure alle nostre Istituzioni che apprezza e condivide.

Considerato quanto precede, riteniamo il candidato idoneo e meritevole di acquisizione della cittadinanza svizzera e, di conseguenza, dell’attinenza comunale di Grancia.

Il Municipio invita pertanto il Consiglio Comunale a voler risolvere:

1. è accolta l’istanza di concessione dell’attinenza comunale di Grancia, presentata dal signor

    Quaresima Antonio - 1963 - Grancia.   

                                                                      Per il Municipio:

                                                       Il Sindaco                                    Il Segretario

                                                       Z.Kayar                                        F.Nasoni

                                                          

Ris.Mun.150 del 28.10.2015

Vai all'inizio della pagina