MESSAGGIO MUNICIPALE 3/17 ACCOMPAGNANTE LA DOMANDA DI CONCESSIONE DELL’ATTINENZA COMUNALE PRESENTATA DAL SIGNOR POLI FLAVIANO (1946), GRANCIA

MESSAGGIO MUNICIPALE 3/17  ACCOMPAGNANTE LA DOMANDA DI CONCESSIONE DELL’ATTINENZA COMUNALE PRESENTATA DAL SIGNOR POLI FLAVIANO (1946), GRANCIA

Signora Presidente,

Signori Consiglieri,

È pervenuta al Municipio la domanda di concessione della cittadinanza svizzera, della cittadinanza cantonale e dell’attinenza comunale in via ordinaria, presentata da

POLI FLAVIANO               figlio di Poli Luciano e di Bettoni Maria, nato a Gardone Val

                                          Trompia (Italia), il 24.05.1946, di cittadinanza italiana, vedovo.

Dalla documentazione prodotta, possiamo rilevare come il candidato sia di buona condotta ed a suo carico non risultano precedenti penali, esecutivi o di altra natura.

Il richiedente non ha mai inoltrato, in precedenza, istanza di naturalizzazione.                                            

Il signor Poli risiede a Grancia, in casa propria, dal 1.giugno 1989, proveniente dal Comune di Locarno. 

A livello comunale signor Poli non ha mai dato adito a lagnanze, e si ritiene lo stesso ben integrato al nostro modello di vita, come pure alle nostre Istituzioni che apprezza e condivide. 

Considerato quanto precede, riteniamo il candidato idoneo e meritevole dell’acquisizione della cittadinanza svizzera e, di conseguenza, dell’attinenza comunale di Grancia. 

Il Municipio invita pertanto il Consiglio Comunale a voler risolvere: 

  1. è accolta l’istanza di concessione dell’attinenza comunale di Grancia, presentata dal signor Poli Flaviano – 1946 – Grancia.

      

                                                                                           Per il Municipio:

                                                                           Il Sindaco                         Il Segretario

                                                                           P.Ramelli                          F.Nasoni

     

    Ris.Mun.81 del 10.05.2017                                                                   

Vai all'inizio della pagina